venerdì 21 aprile 2017

Una vita vera (capitolo 3)


                        Risultati immagini per vita


      Marilena, dopo aver indossato il morbido pigiama in pile, scaldò una pizza del giorno prima, se l’avesse vista sua madre, l’avrebbe investita di rimproveri.
   “Non pensi alla tua salute, non sai mangiare, solo carboidrati e grassi, che modo di rovinarti la vita!”         
   “Basta!”urlò tra sé e sé “Sono da sola e ancora non me ne rendo conto, i miei genitori... è come se mi vivessero dentro!”
   Pose il piatto sul tavolino del salotto, era stata fortunata: aveva trovato un bell’appartamentino con una modesta zona living sulla quale si affacciava la camera da letto e un discreto bagno; una casetta fatta per lei, dove poteva decidere della sua vita senza subire la volontà dei genitori, per di più era una casa luminosa e ubicata nella zona semi centrale della città degli innamorati. Si sarebbe innamorata anche lei, pensò? Tutte le volte che conosceva un ragazzo, dopo i primi approcci, avvertiva una repulsione e scappava via, non sapeva neanche il perché; comunque nel luogo dell’amore passionale , lei avrebbe incontrato l’uomo dei suoi sogni, l’uomo per il quale non sarebbe fuggita e si sarebbe donata come Giulietta, sicuramente in quel posto c'era un Romeo che l’attendeva.
   Tornò a pensare alla lettera, stava diventando un chiodo fisso.
   'Domani riprenderò quel libro' pensò  Un bel romanzo tra l’altro, Madame Bovary, chissà come mai la ragazzina fosse in possesso di un libro non adatto a lei? Una storia che all’epoca fece scalpore per oltraggio alla morale, e sicuramente la risposta va cercata proprio in quella lettura trasgressiva.'
   Custodì la lettera nel tiretto del cassettone e accese il televisore, stavano dando una fiction romantica, il suo genere preferito, si ricordò che non aveva chiamato i suoi, lo fece subito per evitare che le telefonassero mentre faceva dolci sogni: da quando era lì, dormiva beatamente e le ansie inspiegabili, che non aveva confessato neanche a sua madre, erano quasi scomparse. La mamma appena sentì la sua voce andò in brodo di giuggiole e per la contentezza la fece parlare con Teresa, da loro era appena cominciata la cena.
   “Chissà che ti mangi, lì a Verona? Che c’è di buono, solo il pandoro?” disse la sciocca cugina invidiosa che avrebbe voluto essere lì al nord da un bel pezzo, se non avesse sposato Oronzo. “Ma certamente, vivo unicamente di dolci!” rispose Marilena e poi aggiunse “E mangio anche la polvere dei libri.” concluse, per sottolineare che le sarebbe piaciuto ricevere, almeno, una parola augurale per l’incarico assegnatole, lavoro ottenuto dopo aver superato un concorso di tutto rispetto, e non stupide congetture.
   Stava per chiudere la comunicazione, quando udì la voce di suo padre che le faceva le solite raccomandazioni; le ricordò anche che era passato un mese da quando era partita e che sentivano il bisogno di rivederla, per questo motivo sarebbero saliti a trovarla, visto che non avevano impegni, mentre lei avrebbe dovuto aspettare le ferie per poter organizzare una visita giù da loro.
   “Ma papà, è solo un mese! Qui va tutto bene, nessuno mi ha morso, sta tranquillo. Io lavoro e nel tempo libero studio, ho già tutto il piano di studi. Ho conosciuto anche una brava ragazza pugliese che si trova a Verona, come me, per la specialistica. Ti dirò di più, quando c’è la lezione nel mio orario di lavoro lei, Mimma, prende gli appunti per me, ecco perché ho scelto di lavorare part-time alla biblioteca, unisco l’utile al dilettevole.”
   Finalmente poté dedicarsi alla visione dello sceneggiato, notò che c’era il suo attore preferito, ah se avesse incontrato un tipo fascinoso come lui, un bel tenebroso moro dagli occhi verdi! E con questa speranza si addormentò: era stata una giornata intensa.

(continua) 

lunedì 17 aprile 2017

Una vita vera (parte seconda)

                         Risultati immagini per vita     
                  

                                                                          2


   “Ernesto, oggi verranno a farci visita i cugini di Otranto, che dici andrebbe bene l’impepata di cozze come antipasto? Chiese Giovanna a suo marito “Ci domanderanno di nostra figlia e dovremo dire come stanno le cose, cerchiamo di dare la stessa versione; tra l’altro è per noi una bella soddisfazione!”
   “Sai che m’importa di loro, anzi credo che moriranno d’invidia, non si trova dietro l’angolo un posto di bibliotecario! Che cosa credi, sono fiero di nostra figlia! Piuttosto, ho pensato di fare un salto da lei, è già un mese che non la vediamo!”
   “E tu saresti quello pieno di compiacimento, ma va là non cambi mai! Siamo nel terzo millennio, marito mio!” commentò Giovanna, donna dalla mente evoluta, un po’ come sua figlia, e se aveva chiesto al marito di stabilire un accordo era solo per non essere giudicata una bugiarda dai cugini, tutto qui. 
   I coniugi Renzi, genitori di Marilena, erano sposati da trent’anni, e se non fosse stato per le idee restrittive di Ernesto, sarebbe stato un matrimonio perfetto; Giovanna ricordava ancora con batticuore il giorno in cui fu avvicinata da lui all’uscita da scuola.
   “Ti va di fare un giro in moto?” così con nonchalance, senza mezze misure, e lei arrossì come un’educanda; voltò lo sguardo dall’altra parte della strada e vide le amiche che avrebbero voluto essere al suo posto; allora si fece coraggio e annuendo, saltò sul sedile avvinghiandosi a lui da vera sfrontata. Viveva in una piccola cittadina di provincia e gli abitanti si conoscevano un po’ tutti tra di loro, le ragazze del paese avrebbero voluto essere corteggiate dal figlio del farmacista: era bello e dotato di una simpatia coinvolgente, era anche un contestatore, il tipico giovane borghese dei primi anni settanta che amava stupire per spregiudicatezza.
   La condusse in cima alla collina, sul belvedere, dove si rifugiavano le coppiette; lei s'intimidì del luogo solitario e allora per alleggerire l’imbarazzo gli parlò della scuola e dei suoi progressi in storia dell’arte: quando affrontava argomenti che conosceva, le piaceva essere alquanto loquace e spigliata.
   “Sai i primi insediamenti in questo luogo hanno origini antiche, si parla di molti secoli prima di Cristo, forse mille e anche due mila anni. Mi affascina ripercorrere la storia del passato, immaginare la vita dei nostri predecessori, i sacrifici, le lotte, i cambiamenti; dobbiamo a loro ciò che abbiamo!”
   “Mi avevano detto che sei una secchiona!” disse lui interrompendola “Ehi, bambolina, lo sai che mi piaci molto! I tuoi capelli pel di carota ti donano e poi, fatti guardare,” e così dicendo la fece roteare per ammirarle le gambe perfette che spuntavano sotto la gonna un po’ più corta delle precedenti, aveva lottato per farsela accorciare. “Sì, sì, niente male!” e l’attrasse velocemente a sé da toglierle il respiro e la baciò, a lungo molto a lungo, alla fine lei stordita ebbe la forza di mormorare:
   “Riportami subito a casa!”
   Cominciò così la loro storia e del ragazzo fuori dalle righe, dopo la nascita della prima figlia, non era rimasto più niente: era divenuto possessivo fino all’eccesso, un quasi padre padrone che si scontrava con la moglie per divergenze d’opinioni; se Marilena aveva avuto una vita più elastica, lo doveva a sua madre che parteggiava per le donne, avendo subito a sua volta le regole costrittive dell’epoca.    
   Giovanna ritornò in sé e osservò suo marito, era ancora un bell’uomo, il passare degli anni gli aveva donato il fascino della maturità e lei ne era innamorata più di prima. Lui aveva sessant’anni e lei cinque di meno, erano una coppia non eccessivamente matura che stava vivendo la riscoperta del piacere della vita a due: il figlio maschio era già sposato e padre di un bimbo piccolissimo, viveva a molti chilometri di distanza e i loro incontri avvenivano saltuariamente. Ora la figlia femmina era da un’altra parte per cercare di conseguire la specialistica e lei come mamma ne era fiera: avrebbe voluto lei al tempo intraprendere quella strada, se non si fosse innamorata del suo Ernesto, chissà? La donna faceva all’epoca delle rinunce e non anteponeva i propri interessi all’amore, comunque ora aveva una bella famiglia e ciò la gratificava immensamente.
   Raggiunse suo marito e lo abbracciò, lui rispose a quello slancio con un bacio.
    “Ancora mi turbi come la prima volta, ricordi?” esclamò lei, mentre lo abbracciava.
    “E dire che ero uno scavezzacollo, tu col tuo viso d’angelo facesti di me l’uomo che sono!” commentò lui e una piccola ruga solcò la sua fronte, una piega d’espressione frutto di un pensiero nascosto.
    “Non mi pare sia un bel ricordo.”aggiunse lei “Dirò di più, tutte le volte che rievoco il passato, noto quel solco sulla tua fronte.”

   Giovanna si staccò dal marito e dimenticò subito la sua osservazione, si apprestò a preparare il pranzo, era una brava cuoca e gradiva avere ospiti, i cugini Oronzo e Teresa sarebbero giunti fra qualche ora, le conveniva cominciare. 

martedì 11 aprile 2017

"Una vita vera" (parte prima)

                       Risultati immagini per vita                                            

                                                                          1
   

   M’interrogo, spesso, sulle origini della vita e sulle differenze sociali: per me siamo tutti uguali, ma “loro” non la pensano così. Io sono curiosa e vorrei la verità, quella verità che il più delle volte non comprendo. Vorrei essere una veggente, vorrei avere poteri prodigiosi per entrare nelle loro teste blasonate e leggervi i pensieri, quelli segreti che tengono nascosti: non ci credo che sono felici in questo mausoleo zeppo di muffa e di consuetudini. Che peso essere nata in uno stato monarchico e farne parte, quante regole, quanti rituali di corte; io ho voglia di aria fresca senza costrizioni, sono stanca di dover sottostare ai loro cerimoniali come fossi un’adulta matura. Che tedio, che tedio, non ne posso più!
   Mi apparto in camera con la figlia della cuoca: con lei sono felice, vorrei andare in giro con il figlio del giardiniere, vorrei essere nata da un’altra parte in una casetta spoglia. Meglio il ragazzino lercio che vedo stendere la mano, lui sì che sa sorridere! La mia dama di compagnia è così altera, mi proibisce persino la risata sonora, vorrei tanto potermi sbellicare dalle risate.
   Ho sedici anni e ancora non conosco il contatto con la natura, il correre per i prati, il rotolarmi sull’erba, l’abbraccio spontaneo, l’ilarità istintiva; sono nata e cresciuta fra queste gelide mura, sento dentro di me che la vita vera è un’altra cosa ed io per quell’altra faccia della medaglia che m’interrogo!Un giorno o l’altro volerò via verso la libertà!
  
  “Ma tu guarda che lettera, che confessione! E’ anche stropicciata, che grafia d’altri tempi, l’inchiostro è sbiadito, come vorrei sapere chi l’ha lasciata fra queste pagine!”, commentò Marilena quella mattina in cui stava rimettendo a posto i libri della biblioteca comunale. Era da qualche tempo che prestava servizio fra quelle mura odorose di polvere e non le era mai capitato di ritrovare un foglio da lettere scritto a mano, una pagina ingiallita e ispessita dalla polvere. Riprese il libro custode del messaggio, le fece tenerezza e cercò, sul frontespizio e fra le pagine, un qualunque indizio; forse la lei misteriosa aveva scritto il suo nome e anche il casato di appartenenza, a quel punto cercò di dare un volto all’angosciata adolescente che aveva affidato il suo sfogo al romanzo preferito.
   Marilena era fatta così: immaginava la persona anche non conoscendola; quando leggeva, si calava nella vicenda e i personaggi assumevano le fattezze desiderate. Il lavoro di bibliotecaria le calzava a pennello, aveva anche la possibilità di leggere romanzi di ogni genere, preferiva la narrativa classica, ma non disdegnava un altro genere letterario: per lei ogni libro meritava di essere letto sino alla fine.      Aveva fretta: era l’orario di chiusura, allora annotò il titolo del romanzo e ripose la lettera nella tasca dell’impermeabile e si apprestò ad uscire. Fuori l’accolse una pioggia battente, fece una corsa per giungere alla sua auto, incespicò su di una mattonella sconnessa e imprecò contro l’incuria di quella vecchia stradina: stava per fare un ruzzolone. Accese il motore della sua utilitaria e partì mezza fradicia, si rincuorò al pensiero che fra un po’ sarebbe stata al riparo nella sua confortevole casa da single. Poi ripensò alla povera ragazza del passato costretta a subire le imposizioni del periodo e del suo rango, invece lei poteva decidere della sua vita in piena libertà; non che non avesse lottato: suo padre dalle idee conservatrici, uomo dalla morale tutta di un pezzo si era opposto tenacemente alla volontà della figlia di vivere da sola e in un'altra città. Ma Marilena la spuntò: “ Non peserò su di te, papà!” gli aveva detto “Lavorerò alla Biblioteca Civica di Verona, non te ne ho parlato, ho partecipato al concorso e l’ho vinto; potrò anche arricchire le mie competenze, intendo fare la specialistica in storia dell’arte, qui da noi non è possibile, e poi ho quasi trent’anni, ho bisogno dei miei spazi.”
   Ernesto, padre dal piglio autoritario, che non riusciva ad adeguarsi ai tempi, non aveva gradito la presa di posizione della sua unica figlia femmina, col maschio non aveva avuto questi problemi. Era contento per la bella notizia: la figlia, laureata in lettere già da un bel pezzo, aveva primeggiato su tanti partecipanti, ora avrebbe avuto un ottimo lavoro, ma perché così lontano, si domandò? Alla fine si era infuriato, aveva fatto la voce grossa invece di esprimere le sue congratulazioni, ma ugualmente aveva dovuto lasciarla andare; però avrebbe vigilato, questo sì, non l’avrebbe abbandonata al suo destino in quella città del nord.
    L’acqua scrosciante della doccia restituì a Marilena vitalità e mentre si lavava, non poté fare a meno di osservarsi: nella cabina doccia vi era uno specchio a misura d’uomo.
   “Non ho di che lamentarmi, madre natura mi ha dato un bel fisico e ne sono fiera, sarà per questo che non mi va bene nessuno!” rifletté “Ma no, cosa vado a pensare, ha ragione mia madre, quando mi batterà il cuore anche il ragazzo meno attraente sarà per me bellissimo!”
   Si coccolò massaggiandosi il corpo con la crema alle mandorle dolci, la sua pelle secca aveva bisogno di nutrimento, srotolò i capelli ramati che aveva avvolto nell’asciugamano per togliere loro l’acqua in eccesso e cominciò a fonarli davanti allo specchio del lavabo, oltre che un bel fisico aveva un volto delicato illuminato da due profondi occhi cerulei. “Sono uno schianto!” constatò “Però che narcisista! Ehi, ragazza meno apprezzamenti! E lei, la tipa della lettera com’era?” Non riusciva ancora a distaccarsi con la mente da quel breve sfogo lasciato ai posteri e da lei ritrovato.
(continua)